Quattro benefici medici di un’addominoplastica

Molti di noi hanno familiarità con i benefici cosmetici della chirurgia addominoplastica, conosciuta più comunemente e semplicemente come addominoplastica.

Si tratta di una procedura chirurgica che stringe i muscoli dello stomaco e aiuta ad eliminare la pelle in eccesso (o sporgenza del ventre) e le pieghe addominali.

Poiché l’intervento chirurgico è progettato in modo da ottenere uno stomaco più piatto e più tonico, i pazienti generalmente optano per questa procedura dopo la gravidanza o dopo aver perso una quantità significativa di peso in un breve periodo di tempo. È un intervento immensamente popolare con i numeri per sostenerlo. Sulla base dei dati dell’American Society of Plastic Surgeons, il numero delle procedure di addominoplastica è aumentato del 107% tra il 2000 e il 2017.

Quando un’addominoplastica è utile dal punto di vista medico?

Senza dubbio, l’addominoplastica offre molte ricompense estetiche. In realtà, un’addominoplastica può anche fornire benefici medici, soprattutto quando diventa la procedura chirurgica correttiva necessaria per i pazienti con determinate condizioni:

Per correggere un’ernia ventrale: un’ernia ventrale si forma quando l’intestino o il tessuto addominale si rompono attraverso la parete addominale per creare un tipo di sacchetto o sacco. Questa ernia può svilupparsi per qualsiasi numero di ragioni, come la debolezza addominale derivante da una massiccia perdita di peso, un’appendicectomia o un taglio cesareo. Proprio come appiattendo il tuo stomaco, un’addominoplastica può correggere un’ernia ventrale in modo analogo ai muscoli addominali indeboliti, riducendo così la pressione sulla pelle.

Per ridurre l’incontinenza urinaria da sforzo: l’incontinenza urinaria da sforzo (SUI) è una condizione di controllo della vescica che si verifica quando c’è troppa pressione sulla vescica e sull’uretra. SUI è caratterizzato da perdite incontrollabili indotte da azioni improvvise e forti come starnuti, tosse, risate ed esercizi. La condizione viene normalmente trattata senza la necessità di un intervento chirurgico, ma gli studi hanno dimostrato che un’addominoplastica può aiutare i pazienti con SUI. Il problema è per lo più comune per le donne, soprattutto dopo aver dato una consegna normale, ma può anche interessare gli uomini.

Per ridurre il mal di schiena: il mal di schiena è un altro problema comune che può essere trattato con l’addominoplastica. Dopo il parto o una significativa perdita di peso, le donne possono lamentarsi del mal di schiena dovuto a muscoli dello stomaco indeboliti. Appiattendo l’addome e rimuovendo il grasso in eccesso nello stomaco, un’addominoplastica stringe chirurgicamente i muscoli indeboliti, con conseguente supporto addominale molto necessario che può alleviare il mal di schiena.

Per migliorare la postura: un sottoprodotto di muscoli addominali più forti e una diminuzione della lombalgia migliorano la postura. Dopo una procedura di addominoplastica, si può godere di una postura migliore a causa dei muscoli tesi, dando più sostegno alla colonna vertebrale.

Si può usare un addominoplastica per dimagrire?

Poiché solo una certa quantità di grasso corporeo è sicura da rimuovere, l’addominoplastica non deve essere considerata un metodo per dimagrire. Inoltre, un’addominoplastica non migliora necessariamente la pressione sanguigna, il livello di colesterolo o altri effetti derivanti dall’obesità. Per questi motivi, non raccomandiamo l’addominoplastica come mezzo per trattare l’obesità o il diabete.

D’altra parte, possiamo consigliare l’addominoplastica per i pazienti diabetici, purché soddisfino determinate condizioni:

  • La condizione diabetica è sotto controllo e non causa alcuna complicanza
  • Non c’è storia di disturbi ai reni
  • Accetti ulteriori esami del sangue per accertarti che il tuo diabete sia sotto controllo ed è sicuro procedere con l’operazione

Quali sono i rischi e i benefici?

Un addominoplastica può essere un intervento molto popolare, ma è tutt’altro che semplice o facile. È una procedura importante che richiede di andare in anestesia generale, passare più di cinque ore in sala operatoria e trascorrere diverse settimane in recupero.

I pazienti diabetici sono particolarmente suscettibili alle complicazioni se decidono di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica. Ad esempio, le loro possibilità di sviluppare un’infezione sono più elevate. Inoltre, le loro condizioni possono rallentare significativamente i tempi di recupero. Inoltre, è più difficile per i chirurghi gestire il livello di glucosio del paziente diabetico dopo una procedura. A causa di questi rischi, invitiamo i pazienti ad apportare modifiche alla loro dieta e stile di vita come un modo più sicuro e più pratico per perdere peso, prima di decidere sulla chirurgia.

Un’addominoplastica è indicata per te?

Prima di sottoporti a qualsiasi tipo di procedura, assicurati di consultare il tuo medico per discutere di cosa è coinvolto nell’operazione, come dovresti prepararti per questo, i rischi e cosa puoi aspettarti durante il recupero. Inoltre, anche se le ragioni sopra fornite sono di natura medica, ciò non significa necessariamente che la compagnia assicurativa coprirà i costi.

Dopo aver subito un addominoplastica, puoi aspettarti sia dividendi fisici che psicologici. Avrai lo stomaco più stretto, più tonico che hai sempre desiderato, i vestiti ti staranno meglio, i tuoi allenamenti potrebbero essere più soddisfacenti e dovresti avere una migliore qualità della vita.

Se sei pronto per fare il prossimo passo nel tuo viaggio di addominoplastica, cerca un chirurgo plastico vicino a te.

Lascia un commento